La storia della canapa comincia ben ottomila anni or sono! E’ stata infatti la prima fibra ad essere utilizzata dall’uomo e fino alla Seconda Guerra Mondiale è rimasta una coltivazione diffusa in varie parti del mondo e sfruttata per tantissimi usi. Fabbricazione della carta,combustibile per autoproduzione di cordeveletendaggi, tessuti sono i maggiori utilizzi che se ne facevano in passato. I semi di canapa potrebbero però essere usati anche come fonte di cibo visto l’alto apporto nutritivo che hanno. Un’altro impiego invece che sembra avere sempre maggiore diffusione oggi è quello della canapa nella bioedilizia. Pensate che fino agli anni ’50 circa l’Italia era la seconda nazione per produzione di canapa dopo la Russia. E poi cos’è successo?? È successo che intorno agli anni ’30 i grandi industriali americani della carta e dei materiali sintetici provenienti da petrolio e carbone si sono accorti di quanto la canapa potesse essere dannosa per i loro guadagni. E fu così che grazie a imparentamenti vari tra magnati finanziari e uomini dell’amministrazione dell’America di allora la canapa diventò marijuana, una droga demoniaca che faceva diventare le persone cattive, violente, pazze e incurabili!! Per diffondere questa credenza e per manipolare la coscienza delle persone, molte delle quali non istruite e ingenue, fu messa in atto una campagna di sensibilizzazione su TV, radio e giornali sugli effetti devastanti che questa pianta poteva provocare. E così l’illegalità della canapa fu raggiunta anche con il consenso delle persone. Ovviamente gli effetti di queste decisioni si propagarono in tutto il mondo e la conseguenza fu che la produzione ed utilizzo della canapa, soprattutto in campo tessile, venne presto sostituita dall’uso di fibre sintetiche e cotone.

Utilizzare abbigliamento in tessuto di canapa può essere vantaggioso, per tanti motivi, vediamone alcuni:

  1. La canapa ha una grande capacità di dispersione di calore per cui i tessuti rimangono freschi d’estate, ma caldi d’inverno.

  2. Assorbe poco gli odori, anche quelli del corpo, quindi, tessuti in canapa, permettono,anche a coloro che soffrono di sudorazione abbondante, una maggiore tranquillità, in termini di “freschezza” del tessuto stesso.

  3. La canapa possiede una micropotenza elettrica che stimola la pelle favorendo anche la circolazione del sangue, infatti, molte guaine, tradizionalmente adoperate per cure dimagranti,sono tessute, con fili di canapa.

  4. Non è soggetta a acari, muffe, funghi e tarme, ed è anallergica. I tessuti in canapa si sono rivelati utilissimi, per molti bambini che soffrono di dermatite atopica.

  5. Le pieghe che si creano sono più dolci rispetto ad esempio a quelle che fa il lino, per cui la vestibilità è più lunga.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here