Ho già avuto modo di parlare ieri delle incredibili proprietà del miele di MANUKA; continuo oggi, offrendovi una semplice spiegazione dei benefici relativi all’olio essenziale di MANUKA. Sarà mia premura parlarvi con calma anche degli oli essenzile, in linea generale. Tente conto che l’efficacia di un olio essenziale è abbastanza forte e ha un impatto notevole si asul “fisico” che sulla “psiche”. Seguitemi in questo viaggio affascinante, con la piena consapevolezza che state utilizzando dei prodotti naturali, ricchi di energia vitale. Buona Conoscenza!!
Nell’olio essenziale di Manuka si evidenzia una straordinaria efficacia germicida, che consente un notevole riscontro terapeutico in patologie ascrivibili a virus, batteri e funghi. L’o.e. di Manuka combatte gli agenti patogeni Stafilococchi e Streptococchi in modo più marcato rispetto al Tea Tree; abbinando i due o.e. si ottiene un antibiotico naturale a larghissimo spettro. Su pelle e mucose contrasta la sepsi ed è ben tollerato per applicazione pura. Ciò è dovuto al ridotto contenuto di cineolo ( inferiore allo 0,5 % ) che è il maggior responsabile della dermocausticità degli o.e.quando vengono usati puri, non diluiti in olio vegetale. La sua azione è rigenerante, stabilizzante e protettiva verso infezioni di batteri e funghi. Raccomandabile per acne, eczemi, irritazioni pruriginose, infiammazioni gengivali, le più comuni affezioni dell’apparato genitale femminile , è inoltre attivo in dolori reumatici, tendinei e muscolari, con la regressione del processo infiammatorio. La sua funzione antalgica viene ottimizzata impiegandolo assieme alla Lavanda. L’aspetto importante della straordinarietà di Manuka rispetto agli altri o.e., è dovuto alla sua attività di competitore della iarulonidasi. Chiariamo meglio questo aspetto:la iarulonidasi è un enzima che si trova in forte concentrazione nei veleni di api, scorpioni e serpenti ed anche in vari microrganismi patogeni ( pneumococchi, streptococchi betaemolitici, bacilli della cancrena gassosa ). La iarulonidasi conferisce ai microrganismi grande capacità di penetrazione nei tessuti, condizionandone almeno in parte la virulenza. La sua attività è inibita da vari fattori, fra cui i farmaci antinfiammatori: l’o.e. di Manuka, per questo aspetto, si raccomanda nelle punture di insetti ( antalgico e antipomfo ). Le qualità cosmetiche del Manuka si riferiscono alla funzione rassodante, distensiva, antieritematosa della cute; diluito nello shampoo esplica un azione antiforfora assai importante.
BENEFICI SULLA PSICHE
Si comporta come riequilibrante, rinforza il sistema nervoso delle persone più sensibili: la sua importante azione si qualifica nel trattamento delle patologie con la componente psicosomatica evidenziata, in cui alto stress e conflitti interiori hanno particolare rilievo. Chiarificante, facilita la liberazione di energie contratte, predispone a nuove iniziative e alla comunicazione. S’armonizza bene con altri oli essenziali, specialmente Ylang Ylang, rosa, geranio e agrumi. Se unito con olio essenziale di Lavanda aumenta il suo effetto antinfiammatorio. Se si aggiunge anche l’olio essenziale di Tea Tree (componendo una miscela dei tre oli) si ricava un buon sostituto del conosciuto “Rescue Remedy” dei fiori di Bach, da portare sempre in casi di emergenza contro punture di insetti, ferite, irritazioni, prurito, foruncoli o brufoli. Se il composto è utilizzato in aromaterapia e viene annusato, dona senso di sicurezza, calma e protezione.
UTILIZZI
L’olio essenziale di Manuka è uno straordinario ausilio per ogni problema di tipo infiammatorio, migliora la pelle, la rende più tonica, regola l’immunosistema, combatte con efficacia le comuni affezioni dell’apparato genitale femminile.
Alla luce dei test di laboratorio è efficace contro:
Batteri:
l’olio di Manuka risulta più attivo dell’Olio di Melaleuca di 20-30 volte che a sua volta è più potente dell’Olio Essenziale di Pino.
Lieviti:
L’attività dell’olio di Manuka contro la Candida albicans è simile a quella dell’Olio Essenziale di Pino è più potente rispetto a quella dell’Olio di Melaleuca.
Funghi:
L’olio di Manuka, con una concentrazione minima attiva dello 0.625°/o, risulta più attivo dell’Olio di Melaleuca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here