Spesso, per una serie di “motivi“, forse poco chiari anche a noi stessi, tendiamo a nascondere alcuni disturbi legati alla sfera genitale, sperando che possano risolversi in modo spontaneo. Quando ciò non accade, è sempre bene, chiedere un consulto medico e affrontare la questione,con molta lucidità. La prostatite, un disturbo di cui soffre una percentuale in aumento di popolazione maschile, può essere affrontata e “vinta”, in modo “naturale”. Vediamo come!

I rimedi naturali per curare una prostatite sono numerosi e spesso molto più efficaci di una cura tradizionale a base di antibiotici. Ecco alcuni dei più efficaci rimedi naturali per curare la prostata. La prostata è una ghiandola sessuale maschile della dimensione di una castagna attraverso la quale passa l’uretra, il canalino del tratto urinario dove passa l’urina. La prostata ha anche la funzione di produrre il liquido prostatico che compone una parte dello sperma durante un’eiaculazione. La prostatite è un’infiammazione della prostata ed è risultato essere un problema molto comune negli uomini di ogni fascia di età. I batteri provenienti da diverse parti del corpo (specie dall’intestino) infettano la prostata e causano la prostatite e tutti i sintomi che essa comporta.

Una volta infettata la prostata si gonfia impedendo al flusso di urina che passa attraverso l’uretra di fuoriuscire liberamente. Questo può causare una ritenzione urinaria nella vescica e quindi tutta una serie di problemi ad essa correlati.

Ci sono tre tipi di prostatite:

Prostatite acuta batterica
Prostatite cronica batterica
Prostatite cronica abatterica

I rimedi naturali per curare una prostatite di qualunque tipo sono numerosi e possono essere considerati dei veri sostituti dei farmaci comunemente prescritti per questo tipo di malattia, ma che spesso non danno i risultati sperati.

Il rimedio N° 1 è la Serenoa Repens, una pianta ampiamente utilizzata in Germania da molti anni. E’ il miglior trattamento a lungo termine per quanto riguarda l’ipertrofia prostatica benigna ed è in grado di ridurre l’infiammazione, il dolore e la frequente minzione notturna.

E’ utile anche per i problemi erettivi e per l’impotenza ripristinando la libido. Deve essere usata dai 6 ai 12 mesi per un’ipertrofia prostatica e dai 3 ai 6 mesi per una prostatite.

Il rimedio N°2 è la Damiana, una pianta originaria del Messico e dell’America Centrale che ha proprietà espettoranti ed è indicata per stimolare la potenza sessuale e calmare il sistema nervoso. E’ infatti indicata anche negli esaurimenti psichici, nell’impotenza ed è un tonico generale molto potente.

In alcune tradizioni la utilizzano anche nell’incontinenza urinaria, nella sterilità e in alcune infezioni della vescica.

In particolare inoltre sembra che la damiana abbia la capacità di stimolare il centro che attiva l’erezione che si trova nel parasimpatico. Per questo la damiana ripristina il desiderio sessuale sia nell’uomo ma anche nella donna.

Il rimedio N° 3 è l’Achillea, usata già dagli Indiani americani per i disturbi di stomaco, è astringente, riduce gli spasmi dell’apparato digestivo, è utile nei casi di insufficienza venosa degli arti inferiori, è antiinfiammatoria , cicatrizzante, stimola e riattiva i processi digestivi, è un tonico del sistema venoso, è utile se c’è sangue nelle urine, se c’è un caso di incontinenza, emorroidi, nelle infezioni dell’apparato urinario e infine calma i dolori reumatici e le nevralgie.

Altre erbe estremamente utili nel caso di una prostatite sono certamente l’aloe vera L’aloe aiuta nei problemi di disordine intestinale come l’indigestione, l’iperacidità, l’ulcera le coliti e le emorroidi

Aiuta anche a uccidere i parassiti e a combattere le infezioni interne. Combatte anche le infiammazioni e stimola la produzione di collagene per la formazioni di nuovi tessuti cellulari.

E’ proprio questo il motivo per cui l’aloe è così benefica per la pelle, il collagene è l’elemento essenziale per la formazione di nuovi tessuti e serve sia agli organi interni che esterni come la pelle, ma anche le articolazioni, le ossa e gli altri organi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here