Quando cominciai a curarmi con l’omeopatia, una delle prime raccomandazione della Dott.ssa che mi seguiva, fu quella relativa all’inserimento del Miso, nel cibo di ogni giorno! Da allora sono passati ormai diversi anni e leggere, ogni volta, dei tanti benefici apportati da questo “sacro alimento” è sempre un piacere, soprattutto nell’ottica di un reale miglioramento delle condizioni generali dell’organismo.

Uno degli alimenti più usati nella cucina orientale e nella macrobiotica è il Miso. Il miso è una pasta composta di sola soia, o con cereali (riso o orzo) e sale marino, sottoposto a fermentazione lattica per più di un anno.

Ci sono tre tipi di MISO:

  1. Il miso di sola soia, al quale occorrono almeno 2 anni per arrivare a maturità.
  2. Il miso di orzo, la sua fermentazione è più attiva di quella del miso di soia e per questo fermenta in uno/due anni.
  3. Il miso di riso, dalla fermentazione ancora più rapida, in 12/18 mesi. E’ un miso molto dolce e per questo si usa principalmente per la preparazione di dolci.

Gli orientali lo considerano uno dei segreti della buona salute e della longevità.

 


1. Contiene tutti gli aminoacidi essenziali, il che lo rende una proteina completa.

2. Stimola la secrezione di fluidi digestivi nello stomaco.

3. Contiene probiotici benefici per l’intestino.

4. Aiuta la digestione e l’assimilazione di altri alimenti nell’intestino.

5. È un buona fonte di vitamine del gruppo B (in particolare B12).

6. Rafforza la qualità del liquido sanguigno e linfatico.

7. Riduce il rischio di cancro del seno, della prostata, del polmone e del colon.

8. Protegge dalle radiazioni.

9. Rafforza il sistema immunitario e aiuta a ridurre il colesterolo LDL.

10. Ha un alto contenuto di antiossidanti che proteggono contro i radicali liberi.

 

Ecco che scrive Maartin Halsey, nel suo libro “terapia alimentare”

 

Immaginate un esercito di piccoli giapponesi con spazzole e spugne, che puliscono tutto il tratto intestinale con grande vigore, rimettendo a posto l’intestino e l’intero tratto digestivo”.

Il miso può essere paragonato ad un dado vegetale, che si aggiunge solo a fine cottura, nelle minestre, stufati, e in varie salse e condimenti per verdure e cereali.

Il miso preparato senza cereali, è il famoso Hatcho Miso, consumato tradizionalmente dalla famiglia imperiale.

In Italia oggi il miso più usato è quello d’orzo, che abbina proprietà curative ad un leggero gusto.

Il miso è un potente alcalinizzante, ricco di enzimi attivi che stabilizzano lo stomaco e alcalinizzano il sangue, liberano la mente e fanno passare il mal di testa. Questo alimento è quindi utile per contrastare gli effetti di un’alimentazione ricca di cibi acidificanti.

Il miso non deve essere fatto bollire, viene quindi aggiunto quasi a fine cottura, sciolto direttamente nelle minestre o nelle zuppe.

Il miso è eccellente se aggiunto all’inizio della cottura al forno, alla griglia o al barbecue, usatelo anche per irrorare gli alimenti durante la cottura. è un alimento versatile e saporito che apporta gusto e sostanze nutritive ai vostri piatti con un notevole risparmio di sale…provatelo e non riuscirete più a farne a meno! Il miso in vendita in Italia è di produzione biologica, potete quindi reperirlo in negozi di alimentazione biologica od erboristerie ben fornite.

Di seguito vi consiglio questa semplice, ma preziosa ricetta da consumare per cena a base di miso per la vostra linea e la vostra salute:

Zuppa di miso
Ingredienti:

 miso, 1 cucchiaio
 acqua, 1 tazza
 zenzero
 alga wakame, 2 cm
 porro, 1

Tagliare l’alga a pezzi molto piccoli e mettetela a bagno nell’acqua fredda per almeno una decina di minuti. Affettate ora il porro e mettete tutti questi ingredienti in un pentolino con una tazza di acqua: attendete che il tutto giunga ad ebollizione molto lentamente.
Nel frattempo, grattugiate a parte lo zenzero e poi strizzatelo con un telo di cotone, in modo da ricavarne solo il succo. Quando l’acqua sarà al primo bollo, spegnete il fuoco, aggiungetevi il miso che avrete fatto precedentemente sciogliere con un po’ di acqua calda e lasciate riposare il tutto per 5 minuti circa. Prima di servire, aggiungete il succo di zenzero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here