Spesso negli alimenti più “piccoli”, si nasconde un tesoro molto grande. Senza aggiungere ulteriori commenti su questo “concetto”, antico quanto il mondo, vorrei sottoporre alla vostra attenzione, un alimento di cui ci si può innamorare, per la dolcezza e il sapore sempre ricco di sfumature nuove. Sto parlando dei PINOLI. Ne esistono, in natura, tante varietà, quella che ha colpito la mia curiosità proprio in queste ultime settimane è la specie legata alla pianta del cedro siberiano. Sentiamo cosa si dice di questa pianta..ognuno può relazionarsi con questo albero, per sentirne tutta la forza e la grande generosità!

Il cedro siberiano, conosciuto anche come “la regina della Taiga“, è un albero della famiglia dei pini, che può crescere fino a 50 metri e misurare fino a 2 metri di larghezza. La sua origine risale all’ultima era glaciale, al tempo in cui i mammut abitavano ancora la Taiga, e può invecchiare fino a 1000 anni. Cresce solamente nelle foreste selvagge tra gli Urali e l’Oceano Pacifico – in Siberia – dove questi impavidi alberi resistono agli inverni più freddi.

Il frutto di questo antico albero è il piccolo pinolo siberiano: le proprietà nutrizionali e medicali dei pinoli sono date, in gran parte, dal loro contenuto di lipidi, proteine ed altre sostanze. I lipidi che si trovano nei pinoli di Cedro Siberiano risaltano per il loro altissimo contenuto di acidi grassi polinsaturi, in particolar modo l’acido linoleico.

Tra le sostanze azotiche, al primo posto si trovano le proteine, che, a loro volta, sono caratterizzate da un alta percentuale di aminoacidi, in fattispecie l’arginina. Questi aminoacidi si rilevano estremamente importanti per lo sviluppo dell’organismo in crescita. Per questa ragione, i pinoli di Cedro sono essenziali nell’alimentazione dei bambini, degli adolescenti, e delle donne incinte. Le loro proteine sono altamente digeribili.

I pinoli di Cedro contengono le vitamine lipolitiche, molto valorose, come la E e la B. Le vitamine del gruppo E, ossia i tocoferoli, sono essenziali nella trasmissione completa del bagaglio genetico, dell’eredità.

La parola tocopherol in greco significa io porto eredi. La deficienza della vitamina E altera l’equilibrio lipidico dell’organismo. La vitamina E è responsabile della produzione del latte materno, mentre la sua mancanza può indurre l’interruzione della lattazione. Anche la predisposizione per l’aterosclerosi può essere imputata alla mancanza della vitamina E.

I pinoli di Cedro incorporano il complesso di vitamine B, che agevola il funzionamento del sistema nervoso, il quale, a sua volta, influenza in modo favorevole la crescita e lo sviluppo dell’organismo umano, e migliora la composizione del sangue. I giovani lupacchiotti si deliziano consumando i pinoli del Cedro nel periodo dell’apertura delle pigne. I pinoli di Cedro sono consumati sia dai carnivori, sia dagli erbivori, mostrandosi essere un’efficiente antidoto contro le deficienze vitaminiche, che producono seri disequilibri nell’ organismo.

Il pinolo di Cedro è ricco in sostanze minerali valorose e microelementi nutrienti. Il valore nutrizionale vi è confermato dalla loro composizione chimica. Essi, per il contenuto fosfatico, superano sia i frutti di tutti le altre pinacee, sia i semi oleaginosi. Come la più ricca fonte di lecitina, essi possono essere paragonati soltanto alla soia. I pinoli costituiscono, inoltre, una ricca fonte di iodio – una sostanza importante per gli abitanti delle zone nordiche.

I pinoli di Cedro offrono una dose giornaliera sufficiente per soddisfare le necessità dell’organismo adulto sia di aminoacidi, sia di microelementi vitali, spesso deficitari, come il rame, il cobalto, il mangano e lo zinco. I pinoli di Cedro sono altamente digeribili ed hanno un effetto benefico sull’organismo umano.

Il guscio del pinolo, triturato, può essere impiegato come foraggio per gli animali. Ben sminuzzato, offre un’importante quantità di fibre, e ha un’altissima digeribilità. In seguito al processo di ottenimento dell’olio mediante la pressione a freddo dei pinoli risulta l’olio di Cedro, un prodotto ricco di sostanze biologicamente attive: microelementi, proteine, vitamine – E, A, C, U

– del gruppo B, e grassi insaturi senza colesterolo. L’olio di Cedro rappresenta un prodotto alimentare di eccellenza, che facilita la normalizzazione del metabolismo, il miglioramento della salute, e il mantenimento delle capacità lavorative per molti anni. Può essere aggiunto nei dessert, nelle mousse, nelle insalate di legumi o nella frutta. Aggiunge un delicato aroma e un sapore delizioso ai dolci, calzoni, gelati ed altri prodotti di pasticceria. Inoltre, può essere consumato assieme ai formaggi di mucca, al miele….

1 commento

  1. mi alimento da anni di questi pinoli estremamente proteici validi per disbiosi e intolleranze se frullati con semi di chia mela e polvere di cannella nutrono l’apparato gastroenterico in caso di malassorbimenti e anemie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here